Scrittura

La chiave per aprire la porta delle parole.

Le parole mi divertono, mi piace combinarle, cucirle, impanarle e rigirarle.

E mi piace ascoltare chi racconta, scovare i segreti nelle voci tremolanti, farmi nido ovattato per i sogni incerti e piedistallo sicuro per gli obiettivi grandiosi.

Mi entusiasmo sempre per le storie: ne raccolgo fino all’ultimo grammo, al netto di paure e insicurezze. Perché è lì che sta il senso di cui prendersi cura.

Copywriter

Che ti copi? Racconto persone, luoghi e progetti, ma non copio. Prima ascolto e poi racconto, girovago nelle storie in cerca degli aneddoti dimenticati, aiuto a fare ordine nelle soffitte piene di ricordi e faccio piccole trasfusioni di coraggio.

Creo testi per ogni supporto. A carta & penna penso io, ma mi occupo anche di tenere a bada la creatività del correttore dello smartphone o le lettere che si rendono irrintracciabili sulla tastiera.

Tu parli e io scrivo. Non trascrivo però, prendo ispirazione da te che racconti e poi tento la magia: la telepatia farà sì che quello che scriverò sarà quello che avresti voluto dire se solo avessi avuto il tempo di pensarci meglio, di spiegarmi che da bambino ti eri innamorato dell’odore (pestilenziale, diciamocelo) della stalla e allora non potevi che finire per produrre formaggi. O magari amavi la luna ma soffrivi di vertigini e allora sei diventato pizzaiolo: ogni pizza una luna per sfamare i tuoi sogni.

Usare le parole è un'arte o forse una magia.
Il ghost writer è una persona che sa usare parole sue per descrivere pensieri altrui senza mai svelare il segreto.

Ghost writer

Pure i fantasmi vedi? Non vendo fantasmi, ma gioco con le ombre. Quelle che proietti sul muro mentre attraversi la stanza, quelle dei tuoi ricordi o quelle che ti confondono le idee e ti annebbiamo le parole. A volte mi sento più che altro ghost-rider: gareggio nei rodei, a cavallo dei fantasmi altrui. Uso parole mie per scrivere pensieri tuoi (e non svelo il segreto neanche sotto tortura).
A volte uso parole tue per scrivere quando tu non puoi.

Cirano

Quindi sei un uomo? No, sono una donna con un conto in sospeso con l’Emozione Indescrivibile. Quindi accetto sfide di traduzione in parole semplici. Scrivo auguri, felicitazioni, missive d’amore. Non trascrivo citazioni. Mi cimento in maledizioni solo sotto minaccia di bamboline voodoo.

Portfolio o “vediamo se ti puoi fidare”

@Medium

05.01.2017 – “Comparsa in una boule à neige
Racconto pubblicato al termine del Corso avanzato di scrittura di viaggio organizzato dalla Scuola del Viaggio con la collaborazione di Touring Club Italiano e Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

29.03.2017 – “Pietra viva” e “C’era una volta il futuro”
Pubblicati nella raccolta in formato e-book “Racconti erranti- Antologia di storie di stazioni dei partecipanti al primo laboratorio italiano di scrittura errante” di A.A.V.V., a cura di Francesca Mazzucato e Paolo Melissi, prefazione di Francesca Mazzucato

02.04.2017 – “Colpo gobbo sul ponte vecchio
Racconto pubblicato al termine del Workshop di scrittura creativa e fotografia organizzato a Bobbio (PC) da Edizioni Pontegobbo, Scuola del Viaggio e Associazione Nuovi Viaggiatori

03.10.2017 – “L’atto poetico. Fare tutto il possibile per seguire una mappa
Racconto pubblicato al termine del Laboratorio di scrittura con Guido Bosticco e Andrea Bocconi, organizzato a Verona da Libreria Gulliver e Scuola del Viaggio

Racconti di viaggio Online

Post per il blog dell’agenzia Racconti di viaggio Online

https://www.raccontidiviaggio.it/consulente/laura-antoniolli/

Il portfolio è un paniere di prodotti frutto del proprio impegno.